Auand Days a Bisceglie, dal 4 al 9 Aprile 2017

03 Apr 2017 Musica @dmin
Auand Days a Bisceglie, dal 4 al 9 Aprile 2017

Prende il via domani Auand Days, residenza musicale con oltre 30 jazzisti a Bisceglie sino al 9 aprile, con un ricco programma di concerti, incontri nelle scuole e presentazioni. Alle ore 18.00 appuntamento alla Feltrinelli Libri e Musica di Bari con Marco Valente e Fabrizio Versienti.

Inizia martedì 4 aprile Auand Days, residenza musicale con oltre 30 jazzisti in programma sino al 9 aprile a Bisceglie organizzata da Auand Records, sistemaGaribaldi e Comune di Bisceglie – informazioni http://auand.com/auand-days/ 080.395.78.07, 371.118.99.56, 347.610.70.26. Cinque gli appuntamenti in programma per la prima giornata del laboratorio musicale non-stop che propone concerti, produzioni originali, incontri di ascolto, show case e presentazioni in vari luoghi di Bisceglie con un processo inedito di produzione musicale aperto e partecipato. Si parte alle ore 13.30 con guitar solo performance di Francesco Fiorenzani presso Abbraccio della Vita, alle ore 16.00 nella Scuola Monterisi in programma un incontro con gli studenti che compongono l’orchestra della scuola media, alle ore 18.00 presso la Feltrinelli Libri e Musica di Bari Marco Valente, Auand Records, e il critico musicale Fabrizio Versienti presentano Auand Days mentre alle ore 19.00 presso Abbraccio della Vita a Bisceglie la presentazione del libro Storie di Jazz (Arcana Editore) con l’autore Enrico Bettinello, giornalista e critico musicale. A chiudere la prima giornata alle ore 21.00 Politeama Italia a Bisceglie in successione i set live di Gabrio Baldacci solo, Frank Martino e Filippo Vignato e infine Zeno De Rossi con il progetto Zenophilia (ingresso euro 10,00). Gabrio Baldacci, giovane talento livornese, dopo diverse esperienze con Gianluca Petrella (Cosmic Band, Tubo Libre), Dimitri Grechi Espinoza (Dinamitri Jazz Folklore) e come leader di Mr. Rencore (Intollerant feat. Tim Berne il disco dpubblicato nel 2011 da Auand Records), propone l’intensa formula di solo che sembra il concerto di un gruppo techno o una band indie-rock o, meglio ancora, di una super blues band. Il duo composto da Frank Martino alla chitarra e Filippo Vignato al trombone è fondato sulla mescolanza continua del linguaggio jazzistico con sonorità derivate dalla musica elettronica, utilizzata sia in modalità compositiva che in improvvisazione, fondendosi con gli strumenti acustici. Entrambi hanno di recente pubblicato il proprio esordio da leader su Auand Records (Revert per F.Martino e Plastic Breath per F.Vignato). Infine il trio guidato da Zeno De Rossi alla batteria con  Piero Bittolo Bon al sax contralto  e Filippo Vignato al trombone, presenta il disco Zenophilia pubblicato di recente da Auanda Record. “Ho voluto giocare – spiega il leader Zeno de Rossi  – mescolando il mio nome alla parola xenophilia, che indica l’attrazione per tutto ciò che è straniero, in particolare riguardo a persone e culture. È spaventoso vedere tutti questi movimenti di ritorno ai nazionalismi. Ritengo sia necessario provare empatia per le esperienze e le vite altrui, piuttosto che continuare a innalzare barriere e muri per proteggerci dagli altri, come invece e purtroppo continua ad accadere di questi tempi”.
Auand days prosegue sino al 9 aprile con numerosi appuntamenti che coinvolgono alcuni dei più interessanti giovani jazzisti del panorama italiano tra i quali Francesco Diodati, Enrico Morello (entrambi spesso impegnati con Enrico Rava),  Piero Bittolo Bon e i pugliesi Matteo Bortone (Top Jazz 2015), Gaetano Partipilo e Mirko Signorile.

Auand Days è una piccola ma ambiziosa manifestazione che ha come obiettivo mettere in risalto quanto spesso resta nascosto della produzione musicale, quanto abitualmente accade nelle sale prove e di registrazione ovvero il lavoro attento di ideazione e realizzazione di qualcosa di nuovo a partire dal dialogo e dal reciproco scambio fra musicisti. Qualcosa di più e di meno di un festival musicale: non è una vetrina, ma un laboratorio aperto alle influenze dell’incontro fra artisti e pubblico.

Auand Records, che organizza Auand Days con sistemaGaribaldi e il supporto del Comune di Bisceglie, dal 2001 svolge un’instancabile attività al servizio della giovane scena musicale conquistandosi un ruolo di riferimento, non solo nazionale, per molti talenti emergenti del panorama jazz Italiano e per gli appassionati delle nuove frontiere della musica.

Ingresso libero a tutti gli appuntamenti tranne 3 spettacoli  a 10 euro / abbonamento 20 euro)
Informazioni http://auand.com/auand-days/ – hashtag ufficiale: #occupybiseglie
media partner ilgiornaledellamusica.it 

Commenti

There are no comments yet×

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *